Stile raccolto per un’acconciatura sposa romantica e classica

Abito-da-sposa-romantico

Se volete fare in modo che il giorno del vostro matrimonio possa essere ricordato anche per un’acconciatura sposa indimenticabile per la sua classicità e il suo romanticismo, un bel raccolto è probabilmente quel che ci vuole. Dallo chignon super chic a quelli più morbidi, da quelli lasciati “nudi” a quelli arricchiti da tantissimi accessori e elementi di impreziosimento, siamo certi che il raccolto non potrà che rappresentare una delle vostre scelte di riferimento per uno dei giorni più importanti della vostra vita. Ma quali regole seguire per poter strutture un’acconciatura da sposa che faccia del raccolto il suo elemento di maggiore pregio stilistico?

I consigli sono naturalmente numerosi, ma a nostro giudizio il tutto non può che partire attraverso la giusta ponderazione del volume, la vera “sostanza” del raccolto, che vi permetterà di sollevare qualsiasi tipo di stile preferito (dallo chignon molto voluminoso creato al centro della vostra nuca, al torchon laterale, e così via). Insomma, preoccupatevi innanzitutto di avere il giusto volume – dovreste iniziare a pensarci a distanza di diversi mesi dal lieto evento! – e solamente dopo aver ottenuto il giusto volume giungerà il tempo di comprendere in che modo si possa arricchire il vostro stile con un’acconciatura sposa moderna, con qualche gradevole richiamo al passato. Su questo sito, ad esempio, potete trovare tantissime acconciature da sposa spettacolari.

abito-da-sposa-romantico (1)

Insomma, i capelli raccolti rappresenteranno certamente una strada di grande soddisfazione per tutte le donne che desiderano poter immortarlare un look indimenticabile nel giorno del matrimonio, potendo giocare sulla possibilità di poterli declinare e personalizzare sia sulla base delle proprie preferenze di stile, quanto anche sulla base dell’effettiva caratteristica lineare del proprio viso, del proprio incarnato, e di tutti gli elementi del volto, del collo e delle spalle che ritenete sia il caso mettere in particolare luce o – di contro – cercare di nascondere attraverso un’acconciatura ad hoc.

Detto ciò, risulta molto evidente come con i raccolti sia molto semplice cercare di realizzare dei look molto eleganti nell’ambito dell’acconciatura da sposa. Sarà naturalmente necessario prestare un pò di attenzione alle modalità con cui i capelli vengono raccolti, arricchire il tutto con un accessorio in tema per la giornata del matrimonio, e con pochi sforzi sarete in grado di ottenere un risultato meritevole di attenzione e di invidia!

pic_sposa-romantica-1_915291_large

Ricordate che, trattandosi dell’acconciatura più importante del giorno della vostra vita (è probabile che ci saranno anche altri giorni molto importanti – il parto, magari! – ma non sempre avrete così tempo e voglia di predisporre una dovuta pazienza), è bene cercare di condividere con un parrucchiere esperto tutti i passi necessari per potervi garantire un buono stile di capelli nella giornata dell’evento. Uno stile che non solo dovrà essere chic e femminile, ma dovrà altresì essere in grado di resistere all’intera giornata, garantendovi un’immagine sempre perfetta dalla mattina fino a tarda sera. Insomma, uno stile per vere e proprie “highlander”, che potrebbe comunque essere soggetto a lievi ritocchi durante la giornata, ma che vi consigliamo di saper padroneggiare adeguatamente con un buon anticipo, al fine di non dover correre in frettolosi ripari nel giorno del matrimonio!

Scopriamo assieme le polveri voluminizzanti

art 4 immagine 3

Un must have dell’ultimo anno prevedeva un volume dei capelli esasperato ma mai artificiale, elevato ma mai ‘rigido’. Come abbiamo potuto notare dalle passerelle estive e invernali, molte acconciature riuscivano a sostenersi in modo naturale, ma sembravano realmente prive di elementi fissanti. La magia c’è ma non si vede, in quanto molti acconciatori professionisti si sono affidati alla forza e allo stile delle polveri voluminizzanti, prodotti innovativi in grado di donare un volume naturale e tutto da copiare. Scopriamo assieme come funzionano queste polveri e come si possono impiegare nel nostro finishing giornaliero.

La polvere voluminizzante agisce mediante ‘sfregamento’, ovvero chiede di essere applicata sulla cute e di essere massaggiata con cura per qualche secondo. L’effetto delle polveri minerali dona un leggero senso di elettricità, che porta i capelli ad alzarsi in modo naturale. A differenza delle schiume e della lacche, la polvere presenta una consistenza più facile da eliminare e, a seconda della qualità del prodotto, si presenta più o meno facile da togliere. Di base, eliminare la polvere voluminizzante dai capelli si presenta sicuramente più semplice che non togliere la lacca o la schiuma, in quanto la polvere è meno invasiva.

In commercio esistono delle soluzioni per tutti i gusti e per tutte le tasche. Cerchiamo di analizzare tre prodotti, per comprendere le diverse funzioni relative alle fasce di prezzo. La prima casa cosmetica a proporre la polvere voluminizzante su larga scala è stata la geniale realtà giapponese di Shu Uemura. Dalle ciglia finte allo styling per capelli, i prodotti di Shu Uemura brillano per bontà e per rispetto, in quanto amano i nuovi tagli di capelli 2016 e ne esaltano la naturalezza. Unico neo di questa grande casa cosmetica è il prezzo dei suoi prodotti, in quanto la polvere viene venduta al costo di 48 euro, ma è dotata di pennello e la sua composizione si basa sull’impiego di ottimo riso bianco.

Un buon compromesso fra qualità e prezzo può essere rappresentato da Resurrection Style Dust di label.m, una casa cosmetica molto interessante. Il prezzo della polvere si aggira sui 30 euro ed essa chiede di essere applicata con un buon massaggio alle radici.

Un prodotto che chiede di essere provato è la Polvere Volumizzante Capelli Schwarzkopf Got2b, facile da reperire al costo di circa dieci euro. Ovviamente l’INCI dei singoli prodotti cambia notevolmente, ma sappiamo bene che ogni donna ha le sue esigenze e i suoi gusti cosmetici.

Le polveri voluminizzanti possono essere applicate alle radici, evitando l’effetto ultra piatto e quindi regalando un pizzico di vigore all’acconciatura. Un’attenzione particolare va riservata alle donne che hanno i capelli secchi, in quanto i prodotti non si presentano nutrienti, anzi, tendono a seccare le radici e anche il fusto dei capelli. Perfette per chi ha i capelli che tendono al grasso, queste polveri rappresentano in definitiva l’evoluzione del finishing votato alla ricerca del volume, per cui meritano di essere provate e valutate per testarne la resa e l’efficacia.

Le tisane che fanno bene ai capelli

art 5 immagine 4

Inverno: tempo di tisane e tè caldi, consumati sul divano davanti ad un buon film. E se bevendo una tisana aiutassimo anche la salute dei nostri capelli? Come sappiamo, l’inverno tende a sciupare la nostra chioma, indebolendola con l’umidità e con i sedimenti di smog. Le tisane che adoriamo consumare per la nostra salute possono quindi essere votate a depurare i capelli e a rafforzarli in previsione del freddo inverno che stiamo vivendo.

Un ingrediente magico per la salute dei capelli è l’ortica. Come sappiamo, questa pianta viene usata in modo importante nella preparazione di cosmetici dedicati a chi ha i capelli grassi, in quanto rasserena la cute e aiuta a controllare la produzione di sebo. L’ortica stimola, inoltre, la ricrescita dei capelli, per cui può essere assunta da chi presenta un fusto indebolito e vuole rivitalizzarlo assumendo prodotti naturali. Per procurarsi dell’ortica da bere in infusione è ideale rivolgersi al proprio erborista di fiducia e chiedere delle foglie essiccate che possono essere lasciate in infusione e consumate con un cucchiaino di miele, in quanto la pianta presenta un sapore leggermente aspro.

art 5 immagine 1

In commercio esistono delle tisane cosmetiche pensate per il benessere dei capelli e delle unghie. Questi preparati possono essere assunti in tutta tranquillità, in quanto contengono degli assemblati di erbe creati appositamente per favorire il benessere dei capelli. Solitamente le tisane cosmetiche contengono ortica, equiseto e anche ibisco. Mentre abbiamo compreso il potere dell’ortica, possiamo conoscere le tante virtù dell’equiseto, pianta aromatica impiegata fin dall’antichità per il suo potere rafforzante. L’ibisco, profumato fiore tropicale, viene aggiunto in quanto contiene importanti sostanze antiossidanti e permette quindi di operare sul fronte dell’anti aging dedicato alla salute dei capelli.

Anche la camomilla e il rosmarino, ingredienti spesso usati per trattare i capelli dall’esterno, possono diventare preziosi ingredienti delle tisane amiche dei capelli. Il rosmarino contiene principi attivi energizzanti, per cui aiuta a sollevare la vivacità del bulbo e migliora la microcircolazione. La camomilla aiuta a sedare gli stati nervosi, i quali spesso si pongono alla base della caduta e della disidratazione dei capelli.

art 5 immagine 2

Chi soffre di forfora può, infine, dedicarsi alla profonda azione dell’aglio orsino, una pianta depurante che agisce profondamente nel caso delle desquamazioni. Chi soffre di forfora sa bene che la cute si presenta arrossata e molto delicata. Consumando delle tisane a base di aglio orsino la forfora può essere combattuta per vie naturali e la bevanda aiuta anche a purificare la pelle, rendendola meno impura e più compatta.

L’erboristeria è amica leale della salute dei capelli e un piccolo gesto come quello di consumare una tisana sul divano può aiutare enormemente a guadagnare tanto benessere nei capelli. Come sappiamo, la salute della chioma si trasforma in un piacevole senso estetico, in quanto i capelli sono belli se sono forti, elastici e lucidi. Le piante ci aiutano quindi a lavorare dall’interno, depurando anche l’organismo e quindi aiutando a definire la forza e la bellezza dei capelli nel loro lato esterno.

via: vanityfair

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>